Cerca nel blog

mercoledì 26 aprile 2017

Galleria VV8artecontemporanea, Reggio Emilia | Fabrizio Ceccardi | 6 maggio (opening ore 18.00) - 7 giugno 2017




VV8artecontemporanea, Reggio Emilia
Fabrizio Ceccardi
Landscapes
A cura di Claudia Zanfi

Inaugurazione: sabato 6 maggio 2017, ore 18.00

7 maggio – 7 giugno 2017


Nel paesaggio quotidiano, la rappresentazione dell'assoluto. La Galleria VV8artecontemporanea di Reggio Emilia (Cortile di Palazzo Borzacchi, Via Emilia S. Stefano 14) presenta, dal 7 maggio al 7 giugno 2017, "Landscapes", mostra personale di Fabrizio Ceccardi, a cura di Claudia Zanfi.
L'esposizione, inserita nel circuito off di "Fotografia Europea", sarà inaugurata sabato 6 maggio alle ore 18.00, alla presenza dell'autore.
Accompagnata da un ampio catalogo edito da Silvana Editoriale, la mostra segna l'inizio della collaborazione tra Fabrizio Ceccardi e VV8artecontemporanea, ma anche un punto fermo in una ricercaultratrentennale, presentata negli anni in Italia e all'estero.
Il percorso espositivo comprende una ventina di immagini dagli anni '90 al 2014-15. Un conciso  excursus attraverso l'intera produzione dell'autore, dalle prime polaroid (pezzi unici che descrivono paesaggi interiori) e dalle opere della serie "Stanze segrete"fino ai cicli "Out of Eden" "Landscapes" (che dà il titolo alla mostra), oltre ad una composizione di immagini appartenenti ad "Inequality".
«Lo sguardo dell'autore – scrive Claudia Zanfi – ci conduce a un'inedita interpretazione del paesaggio: attraverso di esso si possono vedere tutte le devianze e le linearità della natura. Le opere di Ceccardi narrano di tensioni, incontri, dialoghi, inquietudini. Riflettono le contraddizioni, le ansie e le fratture dell'umanità". 
«Nelle sue opere – aggiunge Roberto Mutti – sempre prodotte in copia unica come voluto richiamo alla peculiarità della pittura ma anche per ribadire la loro collocazione come momenti singoli facenti parte di una più ampia progettualità, molti sono i richiami che vanno dalla spettacolarità della Land Art alla creatività visionaria cara a Joseph Beuys passando per la lezione americana del 'Dialectical Landscape'. Da tutto ciò nasce un'estetica che non si fa mai paradigma ma cambia per aderire esigenze suggerite dai progetti  a cui l'autore dà vita»
L'esposizione sarà visitabile fino al 7 giugno 2017, da martedì a domenica con orario 10.00-13.00 e 16.30-19.30, oppure su appuntamento. Catalogo bilingue italiano/inglese di 144 pagine con 90 illustrazioni e testi di Claudia Zanfi e Roberto Mutti

Per informazioni: tel. 0522 432103, cell. 340 9232277www.vv8artecontemporanea.it.

Nell'ambito della mostra, domenica 28 maggio 2017, alle ore 11.00, si terrà un matinée musicale offerto, per il secondo anno consecutivo, da VV8artecontemporanea a clienti e amici. Per l'occasione, i Musicali Domestici eseguiranno una scelta di brani storici e contemporanei, in dialogo con la proposta fotografica. Ingresso libero sino ad esaurimento dei posti disponibili.
Fabrizio Ceccardi vive e lavora tra Reggio Emilia e Milano. Il suo percorso creativo inizia a metà degli anni Settanta, periodo in cui frequenta importanti artisti concettuali e fotografi. Partecipa alla stagione artistica delle performance, documentando diverse azioni. Negli stessi anni avvia una ricerca personale che lo porta ad utilizzarela tecnica del Polaroid Transfer, metodo con cui interviene sulla superficie dell'opera sfumando e cancellando parti dell'immagine per ottenere pezzi unici. Inizia così un percorso che lo porta ad esporre in Italia e all'estero. Da sempre vicino al mondo dell'arte, stringe una profonda amicizia con Giosetta Fioroni, insieme alla quale realizza diversi progetti editoriali. I suoi lavori, anche di grande formato, sono esposti nell'ambito di mostre personali e collettiveHa al suo attivo collaborazioni con gallerie internazionali e pubblicazioni con importanti editori italiani e stranieri. 
Tra le recenti mostre si segnala"Landscapes" (RB Contemporary, Milano, 2017).

SCHEDA TECNICA:
Fabrizio CeccardiLandscapes
A cura di Claudia Zanfi
Inaugurazione: sabato 6 maggio 2017, ore 18.00
Date: 7 maggio – 7 giugno 2017
Orari: da martedì a domenica ore 10.00-13.00 e 16.30-19.30, oppure su appuntamento.
Catalogo Silvana Editoriale, bilingue italiano/inglese, con testi di Claudia Zanfi e Roberto Mutti.
Domenica 28 maggio 2017, ore 11.00, concerto Musicali Domestici.

PER INFORMAZIONI:
VV8artecontemporanea
Cortile di Palazzo Borzacchi 
Via Emilia S. Stefano, 14
42121 Reggio Emilia 
Tel/Fax: +39 0522 432103
www.vv8artecontemporanea.it
info@vv8artecontemporanea.it


--
www.CorrieredelWeb.it

Mostra fotografica interattiva





ELEVAZIONE   
Dal 13 aprile al 4 giugno 2017 
Vernissage ore 18.30, 12 aprile 2017   
presso Alson Gallery via S. Maurilio 11, Milano       


Elevazione è un progetto espositivo fotografico site-specific dell'artista Giulio Crosara per Alson Gallery. 

Ogni elemento della galleria è studiato per restituire l'esperienza dell'innalzarsi. 

L'altezza del soffitto di 5,29 metri, il colore bianco del pavimento e la sua riflessione, ogni particolare della struttura espositiva ha una sua funzione e produce  un rapporto armonico con le opere installate. 

Una passerella sopraelevata realizzata per la mostra accoglierà il visitatore e, percorrendola, si avrà una prospettiva sempre diversa, godendo di una visione espositiva non convenzionale. 

Lo sguardo dall'alto è libero di spaziare. Esiste un ponte che si erge dalla profondità del reale e porta all'elevazione. 

La mostra è dedicata alla memoria di Alessandro Rizzo giornalista, politico, organizzatore di eventi culturali e storico attivista per i diritti Lgbt, scomparso prematuramente all'età di 39 anni l'otto gennaio 2017.        


ELEVAZIONE 
testo di Giulio Crosara   

Lo sguardo dall'alto è libero di spaziare. 
La direzione che scelgo per dirigere lo sguardo determina la relazione che avrò con l'esterno. Esiste un ponte che si erge dalla profondità del reale e porta all'elevazione. 

Indagare il reale che sta di fronte a noi conduce oltre al conosciuto, è guardare all'invisibile. Si crea così una visione lungimirante che come effetto solleciterà un nuovo modo di relazionarsi. 

L'esposizione nasce nell'intenzione di rendere accessibile e fruibile questa esperienza.   Elevazione è un progetto espositivo site-specific. 

Ogni elemento della galleria è studiato per restituire l'esperienza dell'innalzarsi. 

L'altezza del soffitto di 5,29 metri, il colore bianco del pavimento e la sua riflessione, ogni particolare della struttura espositiva ha una sua funzione e insieme produce un rapporto armonico con le fotografie installate. 

Una passerella sopraelevata accoglierà il visitatore e percorrendola si godrà di una prospettiva diversa. 

Le fotografie sono scelte con un criterio costante. La sensazione di stupore viene indagata. 

Immagini del quotidiano focalizzano un momento preciso dove si avverte una sensazione immanente di passaggio, temporale o meteorologico. 

Come una porta che si apre su un mondo interiore nel quale chi osserva è chiamato ad entrare.   

Ci sono modi diversi di osservare nella relazione con il quotidiano. Lo sguardo "dentro" e lo sguardo "fuori". 

Per quanto concerne il primo, se sono immerso in me stesso, nella mia mente, e rincorro le mie urgenze, farò un'esperienza individuale, perché sarò attento a quello che accade nell'interiorità. 

La proiezione del mondo esterno, per come lo vedo, avrà una forma decisa dalle mie percezioni. Ma così avvertirò un'assenza, la mancanza del tutto. 

Faccio invece del "tutto" la risorsa primaria che trovo attorno a me: lo sguardo "fuori".   

Elevarsi non è rifugiarsi in un luogo distaccato e sospeso, è raggiungere un punto di vista privilegiato che parte dall'attenzione alle cose più semplici. 

Riconoscere e riconoscersi, godere della bellezza e stupirci di quello che accade, scopriamo così in noi stessi uno sguardo attento, forte di una nuova prospettiva. 

Lo sguardo che permette di vivere il presente accorgendoci di quello che accade attorno a noi.   Elevarsi non vuol dire erigersi nella fermezza del proprio essere, ma  cambiare prospettiva sposando un cambiamento. 
L'elevazione è una visione angelica.   


Tel. 02 7208 0187
www.alsongallery.com
www.giuliocrosara.it/artist/


--
www.CorrieredelWeb.it

sabato 22 aprile 2017

Samyang: Un nuovo obiettivo video 16mm T2.6


Si amplia ulteriormente la ricca gamma di obiettivi cinema
 
Fowa S.p.A. e Samyang Optics www.samyanglensglobal.com annunciano il nuovo obiettivo 16 mm T2.6 Cine, progettato specificamente per le riprese video. 
Il 16mm T2.6 si aggiunge agli attuali 18 obiettivi Cine per reflex digitali e fotocamere mirrorless.
Dal 2012, Samyang Optics ha sviluppato innumerevoli obiettivi Cine basandosi sulle esigenze dei videomakers più esigenti.
Questo nuovo lancio amplia la linea Cine arrivando ad un totale di 19 obiettivi: 13 per fotocamere reflex (dal fisheye 8mm al teleobiettivo 135mm) e 6 per fotocamere mirrorless (dal 8mm al 50mm).
L’angolo di 16 millimetri è estremamente versatile ed è comunemente utilizzato in tutto il mondo – grazie al suo ampio campo visivo – per catturare scene emotive in primo piano nel cinema. 
Insieme con ai già esistenti 14mm, 20mm e 24mm, questo nuovo obiettivo sarà di grande importanza per la realizzazione di cambi di inquadratura.
Scopri i dettagli
Come un ‘Total Imaging Solution’Samyang Optics offre ora 51 obiettivi fotografici: 
  • XP Premium;
  • Autofocus;
  • 19 Photo manual focus;
  • 19 lenti VDSLR;
  • XEEN, obiettivi cinematografiche professionali
Lanciato per completare la line up degli obiettivi Cine, questo nuovo T2.6 16 millimetri sarà disponibile a livello globale da Giugno 2017 e ad un prezzo suggerito di 599,00€, e sarà compatibile con tutti i sistemi Nikon F, Fuji X, Canon EF, Canon M, Sony A, Sony E, Pentax K, Samsung NX MFT, Olympus 4/3 .
Come tutta la gamma di obiettivi Samyang, anche questo nuovo membro della famiglia Cinesarà presto distribuito in Italia da Fowa S.p.A. e godrà degli esclusivi 5 anni di garanzia
FOWA VIP.
CONTATTACI
Via Vittime di Piazza Fontana, 52 bis - 10024 Moncalieri TO
Tel. 011 81441 - E-Mail: info@fowa.it - WWW.FOWA.IT

Giornata fotografica artistica con Riscarti all'ex fabbrica di Casal Bertone

GIORNATA FOTOGRAFICA CON MOSTRA, DIMOSTRAZIONI E BRUNCH a Oz –Officine Zero

L'ex-rimessa dei treni di Casal Bertone che, dopo il fallimento, rinasce dal basso, vi invita ad una giornata di porte aperte per condividere esperienze di creatività e circular economy. Via Umberto Partini, 20 Roma. Domenica 30 Aprile. Entrata libera

Da un'idea di Riscarti il festival del riciclo creativo, in collaborazione con il collettivo Pigments, Roma avrà un grosso evento per scoprire la fotografia delle origini il prossimo 30 Aprile: la fotografia analogica che racconta la magia della camera oscura, ci mostra come nasce l'immagine che cattura la luce e il tempo, e a volte anche l'anima, come dicevano gli indigeni.

La giornata che dalla mattina alla sera comprende una mostra, un workshop e il brunch sociale, si svolge in un'ex fabbrica fallita e recuperata - che si può visitare - trasformata in una multifactory di artigiani. Le ex officine di riparazione dei treni notte, oggi sono una realtà di produzione dal basso conosciuta come Oz - Officine Zero.

Per l'occasione all'interno di un vagone sarà allestita una mostra, mentre un altro vagone verrà trasformato in una camera fotografica gigante, dal collettivo fotografico Pigments e Camera Works, che insieme a falegnami, fabbri, tappezzieri, upcycler, designer e artigiani di varia natura, sono coloro che vivono l'area quotidianamente. Una sorta di approccio creativo alla precarietà!

La rigenerazione di aree urbane per metterle in comune, la condivisione di conoscenze e attrezzi di lavoro, giovani e differenti realtà che riprendono i mezzi di produzione 
artigianale, recuperano i materiali obsoleti, gli scarti, confrontandosi con il contesto cittadino, creando nuove coscienze e conoscenze, è il sintomo che dalbasso ci sono segnali di ripresa verso nuove produttività, promosse in chiave sostenibile e orizzontale.

Come Riscarti, l'associazione che contrasta creativamente l'obsolescenza programmata attraverso una kermesse oramai annuale a Roma. Vedere le cose sotto un'altra "luce" e trasformare lo scarto, l'oggetto apparente finito, in una risorsa; rigenerare gli spazi e recuperare quelle capacità professionali e personali, che ai giorni nostri perdono sempre più valore rimpiazzate dalle nuove tecnologie.

Rendere alle immagini fotografiche la forza e il carattere che i media e la digitalizzazione hanno banalizzato durante la giornata mondiale della fotografia stenopeica, la tecnica che riusa semplici scatole nere (dei biscotti, del te, di cartone, etc...) con dei fori attraverso cui la luce impressiona la carta all'interno, in negativo.

Oltre che sperimentare in senso artistico con l'inafferrabilità della luce e del tempo, gli artisti Luca Anzani, Francesco Demichelis, L. Giorgio Mazzone, Gabriele Serini- FZeroCameraOscura, CameraWork - Associazione di Cultura Fotografica, rappresentano un panorama ampio e selezionato di resistenza analogica, mostrandoci la bellezza delle tecniche e dei processi di creazione artigiane e sperimentali.

Partecipare è importante perché oltre che gratuito, l'evento permette di visitare la fabbrica dismessa, di partecipare ad un workshop di conoscitori delle tecniche storiche della fotografia, che ti sapranno far esplorare l'immagine e le sue possibilità, di conoscere una realtà produttiva in cui disoccupati, precari, artigiani, creativi e lavoratori autonomi hanno trovato un reimpiego e che potrebbe dare nuova linfa a un territorio strozzato da traffico e cemento.

Un luogo dove "l'arte salva lo spazio e lo spazio salva l'arte" che si ricollega alle altre esperienze capitoline come l'Ex Mattatoio o il Maam. l'evento e il programma:

www.facebook.com/events/1557915217553976
www.facebook.com/pigmentsphotography/?fref=ts

per conoscere e sostenere il progetto di Oz:

www.facebook.com/notes/oz-officine-zero/lavoro-e-rigenerazione-pubblica-utilità-per-officine-zero/
1289778107738785

Riscarti, il festival del riciclo creativo:
www.riscarti.com/it

venerdì 21 aprile 2017

Lo "scatto" che salva i boschi: PEFC lancia un concorso fotografico

In occasione della Giornata mondiale della Terra, il PEFC presenta il concorso "Experience Forests, Experience PEFC" per premiare le fotografie che sapranno raccontare nel modo migliore i vantaggi di avere foreste gestite in modo sostenibile

 

Perugia, 21 Aprile 2017 – Un concorso fotografico internazionale, aperto a professionisti e a semplici fotoamatori, per raccontare, con la potenza evocativa delle immagini, quali vantaggi - economici sociali e ambientali – porta con sé la gestione virtuosa del nostro patrimonio forestale. 


A lanciarlo, in occasione della Giornata mondiale della Terra, è il PEFC, organo di governo del sistema di certificazione per la gestione forestale sostenibile più diffuso al mondo, che ha demandato ai vari organismi nazionali (per il nostro Paese, il PEFC Italia) le modalità di svolgimento.


Ogni fotografo potrà partecipare gratuitamente, inviando, entro il 5 giugno prossimo, un massimo di cinque scatti, anche in bianco e nero, in formato digitale di dimensione massima di 10 MB e una risoluzione di almeno 1600 pixel sul lato più lungo. L'invio potrà avvenire sia attraverso il sito del concorso oppure via Facebook, Twitter e Instagram utilizzando l'hastag #scattailbosco.

I vincitori del concorso "Experience Forests, Experience PEFC" saranno annunciati il 16 giugno prossimo e verranno selezionati da una commissione composta da un fotografo professionista, da un tecnico del settore forestale, da un rappresentante delle aziende che sponsorizzano il concorso e da un rappresentante del PEFC Italia.

I primi tre classificati saranno premiati con un weekend per due persone con workshop fotografico nel comune trentino di Stenico, alle pendici delle Dolomiti di Brenta; un tavolo da lavoro in legno certificato PEFC realizzato dalla Palm Design; un set di tre cornici in legno certificato PEFC fornite dalla Orsi Cornici di Firenze.

Gli autori dei tre migliori scatti accederanno inoltre al premio internazionale "Fotografo dell'anno 2017 PEFC", che verrà annunciato durante la PEFC Forest Certification Week 2017. Le 12 migliori foto andranno a comporre il calendario 2018 del PEFC e, il primo classificato, vincerà un viaggio ad Helsinki dal 12 al 17 novembre o, in alternativa, un premio in denaro di 3mila franchi svizzeri.

Il regolamento completo è disponibile sul sito del concorso: www.pefc.photo (*online da sabato 22 aprile, Giornata della Terra)

 


 

________________________________________________

Cosa è il PEFC Italia


Il PEFC Italia è un'associazione senza fini di lucro che costituisce l'organo di governo nazionale del sistema di certificazione PEFC (Programme for Endorsement of Forest Certification schemes), cioè il Programma di Valutazione degli schemi di certificazione forestale.


Il PEFC è un'iniziativa internazionale basata su una larga intesa delle parti interessate all'implementazione della gestione forestale sostenibile a livello nazionale e regionale. Partecipano allo sviluppo del PEFC i rappresentanti dei proprietari forestali e dei pioppeti, dei consumatori finali, degli utilizzatori, dei liberi professionisti, del mondo dell'industria del legno e dell'artigianato.


Tra i suoi obiettivi si segnala quello di migliorare l'immagine della selvicoltura e della filiera foresta–legno, fornendo di fatto uno strumento di mercato che consenta di commercializzare legno e prodotti della foresta derivanti da boschi e impianti gestiti in modo sostenibile.



www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana. Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume. Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto. Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common. Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista indirizzo skype: apietrarota

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI