Cerca nel blog

domenica 31 gennaio 2016

Nikon entra nel mondo delle Action Camera con un’offerta a 360 gradi!

Torino, 31 gennaio 2016 - Nital S.p.A. è lieta di annunciare l'ingresso di Nikon nel mercato delle Action Camera con una gamma di fotocamere caratterizzate da un eccellente livello di tecnologia ottica e di elaborazione dell'immagine.
La prima fotocamera di questa nuova “famiglia” è la KeyMission 360, un’Action Camera indossabile in grado di registrare video a 360° reali in 4K UHD (Ultra-high-definition). 
L'integrazione di queste tecnologie in una singola fotocamera segna un importante passo avanti nel segmento “action camera”, essendo un prodotto in grado di eseguire registrazioni video a 360° effettivi!

KeyMission 360, una Action Camera dotata di funzione di registrazione video a 360°
La action camera KeyMission 360 si caratterizza per la combinazione di un sensore di immagine e di un obiettivo posizionati sui due lati opposti della fotocamera: le immagini provenienti da ciascun lato si uniscono per creare una singola immagine ad alta definizione a 360° reali.  
Subacquea fino a 30 metri di profondità, KeyMission 360 è molto robusta e assicura un'ottima resistenza a polvere, urti e basse temperature. 
L'affidabile sistema di stabilizzazione immagine elettronica disponibile nell’applicazione durante la riproduzione, poi, consente di ridurre gli effetti del movimento della fotocamera, garantendo risultati nitidi e definiti. 
 
Progettata per affrontare senza problemi qualsiasi situazione tipica delle Action Camera, KeyMission 360 assicura massima semplicità d'uso e libertà di movimento, proponendosi come compagna ideale per un'ampia gamma di attività sportive all'aria aperta e per il tempo libero. 
KeyMission 360 sarà mostrata presso lo stand Nikon durante il Consumer Electronics Show (CES) 2016, uno dei più importanti appuntamenti dedicati al mondo dell’elettronica di consumo.
KeyMission 360, la prima fotocamera della linea di Action Camera di Nikon, sarà disponibile dalla prossima primavera insieme ad un’ampia gamma di accessori dedicati.  
Le caratteristiche tecniche, il design, il nome del prodotto e gli accessori in dotazione possono variare a seconda del Paese o dell'area geografica. 
Le specifiche e l'attrezzatura sono soggette a modifiche senza preavviso né obbligo da parte della produzione.

giovedì 28 gennaio 2016

Concorso fotografico La Gabbianella

Concorso per immagini "ACQUA, CULTURA DEI POPOLI"
 "L'acqua parla senza sosta ma non si ripete mai"

Il nuovo concorso de La Gabbianella Onlus vuole toccare attività e tematiche in cui operano le associazioni con il Sostegno a Distanza e diffondere il SaD, attraverso immagini fotografiche, osservando l'acqua con occhi diversi e sotto aspetti diversi.
Il Sostegno a Distanza è una forma solidale e culturale di sviluppo tra i popoli e segna un percorso da compiere insieme, durante il quale gli equilibri tra i soggetti coinvolti si modificano ed evolvono, proprio come le relazioni sociali e spirituali tra gli uomini e l'acqua.
Proponiamo, nel grafico allegato, suggestioni, flash, parole chiave, spunti, idee legate all'acqua che potrebbero essere utili agli autori.
Il concorso è gratuito e rivolto a tutti.
Si potranno caricare le foto sul contest www.lagabbianellaonlus.it/contest-acqua-2015 a partire dal 4 gennaio al 28 febbraio 2016
Le fotografie saranno valutate sia da alcuni professionisti della ISFCI – Istituto Superiore di Fotografia e Comunicazione Integrata - sia dalle votazioni ricevute dal web.
Le due foto vincitrici riceveranno un "premio etico" di Euro 750,00 ciascuna, che gli autori si impegnano a destinare a un progetto legato all'acqua, scegliendolo tra quelli delle Associazioni del Coordinamento de La Gabbianella Onlus.
Il 22 marzo 2016, in occasione della giornata mondiale dell'acqua, presso ISFCI di Roma si terrà l'evento finale del Concorso "Acqua, cultura dei popoli" con la proiezione delle foto partecipanti e la premiazione delle due vincitrici con la consegna dei "premi etici" offerti da ACEA SpA .

LA GABBIANELLA - Coordinamento per il Sostegno a Distanza - onlus
Piazza Manfredo Fanti 30
00185 Roma
+39 06 483381
numero verde 800 129 435
www.lagabbianella.it



--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 22 gennaio 2016

Seaside di Giuseppe Ripa ad Arte Fiera Bologna, 29 gennaio-1 febbraio 2016

Seaside, fotografie di GIUSEPPE RIPA
Arte Fiera Bologna, 29 gennaio – 1 febbraio 2016

Nella serie fotografica Seaside, che Giuseppe Ripa espone alla quarantesima edizione di Arte Fiera Bologna nello stand Romberg Photo (Padiglione 32, Stand A/6)la spiaggia diventa teatro di eventi in grado di modificarne radicalmente la percezione di luogo di socialità e divertimento. 
In Seaside questa percezione viene ribaltata: un luogo di commedia si trasforma in un luogo di tragedia, la geografia lascia il posto alla storia. 
Dopo Base / Debase, il polittico di grandi dimensioni presentato nella scorsa edizione di Arte Fiera, l'indagine artistica di Giuseppe Ripa continua ad interrogare alcuni degli aspetti topici della nostra storia contemporanea, con particolare riguardo allesituazioni di caos e di conflitto, alle migrazioni e al degrado ambientale.

Giuseppe Ripa (1962) vive a Milano. Ha esposto ad Arte Fiera Bologna, stand Romberg Photo, nel 2015 con la serie Base / Debase(dal ciclo Seaside), nel 2014 con la monografica Seaside e in numerose mostre personali: al Museo di Arti Visive di Palazzo Collicola a Spoleto (In un certo senso una mostra antologica, 2013, a cura di Gianluca Marziani, inclusa negli eventi del 56° Festival dei 2Mondi) dove è stata presentata per la prima volta la serie Seaside; alla Galleria Romberg Arte Contemporanea di Latina (Twilight, 2012, a cura di Italo Bergantini e Alessandro Trabucco); all'Ambasciata d'Italia di Washington e all'Istituto Italiano di Cultura di Chicago, in occasione degli eventi per i 150 anni dell'Unità d'Italia (Liminal, 2011, a cura di Renato Miracco); alla Leica Gallery di New York (Moondance, 2010, con il supporto dell'Istituto Italiano di Cultura, a cura di Renato Miracco); alla Galleria Spazio Milano di Unicredit Banca (Lightly, 2008, a cura di Walter Guadagnini); al Centro Trevi di Bolzano (Tibet, 2007, promossa dal Consiglio Regionale del Trentino-Alto Adige Südtirol); al Museo Diocesano di Milano (Anima Mundi, 2004, a cura di Paolo Biscottini)L'editore Charta ha pubblicato sette suoi cicli fotografici: LiminalMoondance, Aquarium, Lightly, Memorie di pietra, Tibet, Anima Mundi.

Titolo della serie fotograficaSeaside.
Titolo della foto cover: Italia
Luogo: Arte Fiera, Bologna, Galleria Romberg Photo, Padiglione 32, Stand A/6
Data/orada venerdì 29 gennaio a domenica 31 gennaio dalle 11 alle 19; lunedì 1 febbraio dalle 11 alle 17. 
Preview ad inviti: giovedì 28 gennaio dalle 12 alle 21.
Website dell'artistawww.giusepperipa.it


--
www.CorrieredelWeb.it

mercoledì 20 gennaio 2016

Presentazione del libro fotografico di Mario Vespasiani

Mario Vespasiani
Mara as Muse

Presentazione del secondo libro fotografico

Domenica 24 gennaio 2016
dalle ore 17

Libreria Rinascita
Piazza Roma 7
Ascoli Piceno



Domenica 24 gennaio alle ore 17 presso la Libreria Rinascita di Ascoli Piceno, si terrà la presentazione del secondo libro fotografico dell'artista Mario Vespasiani dal titolo Mara as Muse, con una introduzione del prof. Stefano Papetti sul tema della Musa nell'arte.

Col secondo libro fotografico dal titolo Mara as Muse, Mario Vespasiani (1978) prosegue la ricerca nella fotografia con una selezione di immagini in bianconero, scattate nel corso del 2015 a una giovane donna, Mara, con l'intenzione di trasmettere ciò che sovente anticipa il processo creativo, nel quale una ragazza "normale" assume le vesti di Musa per la capacità di ispirare e influenzare la ricerca artistica. Se negli ultimi anni la figura della Musa sembra essere sparita dalla pratica intuitiva degli artisti, Vespasiani con l'imprevedibilità che gli appartiene, se ne riappropria dando vita al susseguirsi di storie che in ogni scatto si espandono in più direzioni per diventare punti di partenza di altre opere e altri racconti. 


Essenziali sono gli sfondi e le dinamiche descritte dai movimenti eppure permane qualcosa di magico e senza tempo e qui, incurante delle suggestioni odierne Vespasiani immortala questo incontro, mostrando una donna che incarna pensieri in libertà, riflessioni eccentriche, spazi selvaggi che diventano parte viva dell'opera. Ogni scatto conduce dunque oltre le rotte battute, per inseguire profumi insoliti ed esperienze possibili solo a chi si concede alla scoperta, tra l'equilibrio della composizione e la raffinatezza del linguaggio. In questo incedere, la bellezza non si consegna mai alle lusinghe della seduzione e così il corpo si carica di pura femminilità e mai di erotismo; le vesti d'altri tempi e i copricapi inusuali non fanno altro che evidenziare questo fare indipendente, che ha il suo centro nell'istante in cui due sguardi si affrontano, aprendosi al mistero e a tutto quello che poi ne scaturisce. Vespasiani ci consegna una scintilla vitale, propria dell'estro dell'artista e degli occhi di due amanti.


Dati libro:
Autore: Mario Vespasiani
Titolo: Mara as Muse
Dimensioni volume: 29x21cm
Pagine: 164
Illustrazioni: 86 in bianconero
Anno: 2015

www.mariovespasiani.it


MARIO VESPASIANI nasce nel 1978 vive e lavora nelle Marche e nei luoghi che meglio si prestano a sviluppare i suoi progetti. La sua ricerca lo sta portando ad innovare il concetto di pittura nelle varie modalità espressive come nello studio delle luminosità del colore. Le sue opere adottano un linguaggio simbolico e si rivolgono ad un più vasto itinerario dell'anima, incentrandosi sul profondo mistero della creazione e sulla trasmissione dei moti dello spirito. Con la mostra Gemine Muse espone giovanissimo ai Musei Capitolini di Roma, a 27 anni vince il primo Premio Pagine Bianche d'Autore, nel 2011 viene invitato al Padiglione Italia della 45° Biennale di Venezia, figura nel libro Fragili eroi di Roberto Gramiccia dedicato ai più interessanti artisti italiani del futurismo ad oggi e sul Dizionario dell'Arte Italiana edito da Giancarlo Politi.

Nel 2008 a dieci anni dalla prima personale realizza la mostra che avvia il progetto denominato "La quarta dimensione" attraverso il quale propone un dialogo con alcuni grandi maestri dell'arte italiana a lui particolarmente vicini in un determinato momento della ricerca. Il primo avvenne nel 2008 con Mario Schifano mettendo in risalto il colore e il gesto pittorico che contraddistingue il procedere istintivo dei due autori, per l'approccio grintoso, per la carica vitale e mai prevedibile della pittura. Nel 2010 presso la Galleria Comunale d'Arte Contemporanea di Ascoli Piceno le sue opere si affiancarono all'astrattismo lirico di Osvaldo Licini, in questo momento le tele di Vespasiani sempre meno figurative forniscono una panoramica del tratto pittorico che raggiunge soluzioni stilistiche più evanescenti ed essenziali. Sulla linea colorista, che scende lungo l'Adriatico, nel 2012 presenta il dialogo in tre sedi con i capolavori di Lorenzo Lotto, il quale oltre ad essere uno dei più autorevoli interpreti è anche colui che ha saputo rivoluzionare i codici del ritratto e la mostra ha focalizzato l'attenzione sull'interpretazione psicologica e formale del volto, dalle espressioni comuni alle tensioni umane più profonde. Nel 2015 il gallerista Pio Monti presenta la mostra La quarta dimensione nella fotografia di Mario Giacomelli e Mario Vespasiani dove per la prima volta le sue immagini fotografiche si specchiano nei riflessi comuni e nello sguardo appassionato di Giacomelli, uno dei fotografi più incisivi del '900. 

Tra i primissimi artisti italiani ad espandere l'impronta pittorica dai nuovi materiali alle tecnologie, viene inviato nel 2012 dall'Accademia di Belle Belle Arti di Macerata a tenere una conferenza dal titolo: L'essenza e il dono. Arte, relazione e condivisione, dalla tela all'iPad e nello stesso anno con le opere realizzate mediante l'iPad ed applicate su alluminio partecipa al Premio Termoli. Per tutto il 2014 si è dedicato al progetto Mara as Muse sottolineando, in piena controtendenza, il ruolo di una Musa quale figura ispiratrice dell'atto creativo e delle sue molteplici forme espressive. Nel 2015 realizza delle opere in pura seta intitolate Storie di viaggiatori, territori e bandiere che espone come fossero vessilli di un'arte che torna ed essere simbolo e immagine di un'identità ben precisa e che va oltre le classiche modalità espositive per mostrarsi in una performance nella Pinacoteca civica di Ascoli Piceno, in un happening con le opere disposte al vento sulla cima della Torre dei Gualtieri di San Benedetto del Tronto e al 48° Premio Vasto. Nel mese di maggio esce Planet Aurum il suo primo libro interamente dedicato agli scritti e nello stesso anno la città di Fermo lo invita a dipingere il Palio dell'Assunta dedicandogli contemporaneamente la personale Empireo. La città di Santa Vittoria in Matenano, luogo dove espose non appena diplomato, gli dedica la mostra che raccoglie per la prima volta una selezione di opere dagli esordi ad oggi ed una importante pubblicazione generale.

Dal 1998 sono oltre trenta le mostre personali documentate con volumi prodotti in serie limitata, arricchiti da testi critici, interviste e da testimonianze trasversali. Contemporaneamente alla pittura, ha frequentato un workshop di fotografia con Ferdinando Scianna e di cinema con Lech Majewski. Del suo lavoro se ne sono occupati oltre agli storici e ai critici d'arte, anche filosofi, scrittori, antropologi e teologi.



--

lunedì 18 gennaio 2016

Concorso fotografico: San Valentino degli animali (innamorati anche di loro)

Caminopoli e Zoo Park lanciano un concorso fotografico su FB
San Valentino: l'amore per gli animali è...
un concorso: "Fido, Micio e il camino"

Quest'anno San Valentino è anche la festa degli innamorati degli animali.
Si posta una foto del proprio cane, gatto, criceto, coniglio…
vicino al camino e le 6 foto più votate vincono premi!


Se San Valentino è la "Festa degli Innamorati" perché non si può intendere e comprendere anche l'amore per "Fido" e "Micio"? E' questo lo spunto che ha portato Caminopoli e Zoo Park Lecce ad ideare il concorso fotografico su Facebook denominato "Che Amore! Fido, Micio e il camino". Sono previsti premi per i primi sei classificati, tre offerti da Caminopoli e tre offerti da Zoo Park Lecce.

Partecipare è molto semplice, si invia all'indirizzo e-mail e20@clio.it una foto dell'animale (o animali) protagonista (cane, gatto, criceto, coniglio, …coccodrillo), accanto / davanti / insieme al camino (spento o acceso, non ha importanza). Ovviamente bisogna indicare nella mail il nome (o nomi) del/dei "protagonisti" e il nome del proprietario che partecipa al concorso. Tutte le foto pervenute entro il 25 gennaio saranno pubblicate quel giorno in un album sulla pagina Facebook "Che amore: Fido, Micio e il camino" (www.facebook.com/fidomicioeilcamino) e da quel momento tutto il pubblico può votare le foto preferite con il proprio "mi piace". Le foto inviate dopo il 25 gennaio ed entro il 14 febbraio saranno anch'esse aggiunte all'album e inserite nel concorso.

Le sei fotografie che avranno raccolto il maggior numero di "mi piace" alle ore 23.59 del 14 febbraio vincono i premi in palio.

Questi i premi previsti (dal 1° al 6° classificato): Kit camino maxi con sacca portalegna, accendifuoco e fiammiferi speciali; Kit camino medium con sacca portalegna, accendifuoco e fiammiferi speciali; Mangime da 15kg (cane) o 6 kg (gatto); Sacca portalegna; Mangime da 4kg (cane) o 1,5 kg (gatto); Shampoo secco e fiala antiparassitario (cane) o Shampoo secco e giochino (gatto).

In sintesi, queste le semplici istruzioni del concorso:
1) prendi il tuo amore di cane, gatto, criceto, coniglio, ...coccodrillo;
2) piazzalo vicino al camino (non dentro!);
3) fagli una foto (...che amore...);
4) invia la foto a e20@clio.it (con il tuo nome e, soprattutto, il nome del tuo "amore").

------------------
Alcuni collegamenti utili:
E-mail a cui inviare la foto (con nome/i dell'animale e nome del proprietario): e20@clio.it
Pagina facebook del concorso: www.facebook.com/fidomicioeilcamino

 
Lecce – Via Imp. Adriano, 13 - Tel. 0832.301419



--
www.CorrieredelWeb.it

venerdì 15 gennaio 2016

MASTER IUAV IN PHOTOGRAPHY CON FONDAZIONE FABBRI // DEADLINE 22 GENNAIO


MASTER IUAV IN PHOTOGRAPHY CON FONDAZIONE FABBRI // DEADLINE 22 GENNAIO

 

Visita la pagina


Fondazione Francesco Fabbri Onlus
Villa Brandolini Piazza Libertà, 7 31053 Pieve di Soligo, TV

giovedì 14 gennaio 2016

Nikon Coolpix A100 e A10: due nuove fotocamere all'insegna dello stile e della semplicità

NUOVE COOLPIX A100 E A10: STILE E SEMPLICITÀ PER IMMAGINI DI QUALITÀ
Torino, 14 gennaio 2016 – Nital S.p.A. è lieta di annunciare due nuove fotocamere compatte Nikon COOLPIX, sviluppate seguendo un solo obiettivo: la semplicità.

La COOLPIX A100 da 20,1 megapixel, caratterizzata da un corpo macchina sottile, elegante e maneggevole, e la COOLPIX A10 da 16,1 megapixel, comoda da impugnare e semplice da utilizzare grazie ad una chiara disposizione dei pulsanti, per ottenere sempre il massimo del divertimento da ogni scatto.

Con un peso di appena 119 g, batteria e card SD incluse, la COOLPIX A100 è così leggera da poter essere comodamente portata in tasca o in borsa ed include una serie di funzioni che semplificano le riprese. L'obiettivo zoom ottico NIKKOR 5x, estendibile fino a Dynamic Fine Zoom1 10x, consente di riprendere bellissimi primi piani. Per dare un tocco esclusivo alle foto, è anche possibile utilizzare le funzioni Effetti speciali e Selezione rapida effetti. La funzione Selezione scene auto, poi, definisce automaticamente il modo più appropriato dopo avere identificato il soggetto e le condizioni di ripresa. È anche possibile creare filmati HD con la semplice pressione del pulsante dedicato, mentre la riduzione dell'effetto mosso garantisce sempre immagini nitide e chiare.


Inoltre, grazie alla funzione Scelta soggetto AF la fotocamera individua il soggetto principale e lo mette immediatamente a fuoco, sia che si tratti di una persona o di un oggetto di piccole dimensioni. Con i dodici effetti di ritocco post-scatto, poi, è possibile aggiungere tocchi di make-up “digitale” mediante le opzioni Ombretto, Mascara o Cipria oppure nascondere le borse sotto gli occhi. La lunga durata della batteria, infine, garantisce riprese ininterrotte ed il sensore di immagine CCD da 20,1 megapixel produce immagini ad alta risoluzione, perfette anche se le si vuole stampare. Disponibile in una serie di eleganti colori, la Nikon COOLPIX A100 cattura con semplicità momenti indimenticabili.

La COOLPIX A10 è stata sviluppata per essere di facile utilizzo e si caratterizza per un versatile zoom ottico NIKKOR 5x (equivalente a 26-130mm nel formato 35mm), per un nitido monitor LCD da 6,7cm perfetto per comporre facilmente le inquadrature e per la modalità Selezione scene auto che definisce automaticamente il miglior modo scena in qualsiasi situazione di ripresa. Grazie al pulsante di registrazione Filmato, poi, è facile passare dalla ripresa di foto alla registrazione di filmati HD. Inoltre, la funzione di riduzione dell'effetto mosso consente di ridurre il movimento della fotocamera per video fluidi e immagini nitide.

Le funzioni Effetti speciali consentono di ottimizzare le immagini prima dello scatto, mentre la modalità Selezione rapida effetti consente di perfezionarle subito dopo. Timer sorriso scatta la foto quando rileva un soggetto che sorride, mentre Verifica occhi aperti visualizza un messaggio di avviso in presenza di un soggetto con gli occhi chiusi. La funzione Effetto pelle soft è inclusa nelle funzioni di rilevamento del viso e, insieme all’ottimizzazione del controllo dell'esposizione della carnagione, consente di ottenere ritratti davvero perfetti.

Nikon ha dichiarato: "La COOLPIX A100 si adatta perfettamente allo stile di vita di tutti coloro che desiderano una fotocamera compatta che possa essere facilmente portata in tasca o in borsa e che sia in grado di catturare i momenti più importanti con la massima nitidezza.

La COOLPIX A10, invece, con la sua nuova comoda impugnatura che ne migliora il design, è perfetta per un uso quotidiano e garantisce foto sempre nitide. L'utilizzo di batterie AA, inoltre, la rende estremamente versatile, permettendo di effettuare riprese ovunque ci si trovi".

¹ L'ingrandimento di Dynamic Fine Zoom viene calcolato dalla posizione massima di grandangolo dello zoom ottico.

mercoledì 13 gennaio 2016

Olocausto: mostra fotografica e performance per ricordare "in punta di piedi"

Il Tempo Indegno
Memorie.. in Punta di Piedi

un progetto a cura di Raffaella Mascheroni
fotografie di Luca Gianferrari e Gianfranco Di Tommaso

Domenica 24 gennaio 2016, dalle ore 19
presso il Teatro comunale San Teodoro di Cantù



Il Teatro comunale San Teodoro apre la settimana dedicata alla Memoria con l'inaugurazione di una mostra fotografica domenica 24 gennaio, dalle ore 19.

Le fotografie di Luca Gianferrari e Gianfranco Di Tommaso (2Scatti) ritraggono alcune ballerine in pose e atteggiamenti volti a ricostruire la tragica vicenda degli ebrei in tre atti: la deportazione, l'internamento e la speranza. 

Una vecchia locomotiva, delle rotaie abbandonate e una vegetazione incolta sono i pochi significativi tratti che restituiscono il set. 

Sono immagini di forte emotività, nelle quali la potenza del bianco e nero, che fissa l'istante in un tempo lontano, è ravvivato a tratti da un colore energico quanto simbolico, il rosso.

L'inaugurazione della mostra sarà accompagnata da un reading letterario: Andrea Reali, con l'accompagnamento di Alex De Simoni, leggerà alcuni brani sul tema, testimonianze tratte da autori celebri o dai diari delle vittime, per tessere un ricordo commosso e partecipe di quel che è stato.

A seguire, sul palco del teatro si esibiranno le MadGirls, le ballerine ritratte nelle fotografie, che metteranno in scena la coreografia Il tempo indegno, creata da Raffaella Mascheroni per emozionare ulteriormente il pubblico nel racconto del dramma.

Si tratta di un'insieme di tre linguaggi, visivo, orale e corporeo, che si intrecciano e si sostengono con le proprie caratteristiche. Così scrive Raffaella Mascheroni, curatrice dell'intero progetto: "la mostra fotografica si serve del linguaggio potente delle immagini, rappresenta lo sguardo che coglie e che consegna il frutto all'anima; il linguaggio delle parole, invece, permette l'ascolto e obbliga il pensiero a una riflessione; quello del corpo, infine, permette di raccontare attraverso un codice non convenzionale, lasciando ampio spazio a personali suggestioni ed emozioni".

Un ulteriore linguaggio che tratterà il tema dell'Olocausto è quello teatrale. Il 26 e 27 gennaio il Teatro comunale San Teodoro ospiterà due spettacoli che intrecciano storia, antisemitismo e speranza: Ho sentito i loro passi (sceneggiatura, regia, coreografia di Irene Carossia, con Irene Carossia, Silvano Ilardo, Cinzia Farina) e Invisibili (di e con Mohamed Ba).


..Perché ricordare è un dovere.

***

Il Tempo Indegno. Memorie.. in Punta di Piedi
un progetto a cura di Raffaella Mascheroni
Domenica 24 gennaio 2016 dalle ore 19
·         Inaugurazione mostra fotografica, di Luca Gianferrari e Gianfranco Di Tommaso.
In esposizione fino al 6 febbraio 2016.
·         Reading letterario con la voce di Andrea Reali e la musica di Alex De Simoni
·         Performance di danza "Il tempo indegno" con il gruppo MadGirls e la coreografia di Raffaella Mascheroni
Teatro Comunale San Teodoro, via Corbetta 7, Cantù (CO)
Ingresso libero
Per maggiori informazioni  www.teatrosanteodoro.it | mostre@teatrosanteodoro.it

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana. Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001. L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume. Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto. Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common. Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista indirizzo skype: apietrarota

Disclaimer

www.CorrieredelWeb.it e' un periodico telematico senza scopi di lucro, i cui contenuti vengono prodotti al di fuori delle tradizionali industrie dell'editoria o dell'intrattenimento, coinvolgendo ogni settore della Societa' dell'Informazione, fino a giungere agli stessi utilizzatori di Internet, che divengono contemporaneamente produttori e fruitori delle informazioni diffuse in Rete. In questo la testata ambisce ad essere una piena espressione dell'Art. 21 della Costituzione Italiana.


Pur essendo normalmente aggiornato piu' volte quotidianamente, CorrieredelWeb.it non ha una periodicita' predefinita e non puo' quindi considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n.62 del 7.03.2001.


L'Autore non ha alcuna responsabilita' per quanto riguarda qualità e correttezza dei contenuti inseriti da terze persone. L'Autore si riserva, tuttavia, la facolta' di rimuovere quanto ritenuto offensivo, lesivo o contraro al buon costume.


Le immagini e foto pubblicate sono in larga parte strettamente collegate agli argomenti e alle istituzioni o imprese di cui si scrive. Alcune fotografie possono provenire da Internet, e quindi essere state valutate di pubblico dominio. Eventuali detentori dei diritti d'autore non avranno che da segnalarlo via email alla redazione, che provvedera' all'immediata rimozione o citazione della fonte, a seconda di quanto richiesto.


Viceversa, sostenendo una politica volta alla libera circolazione di ogni informazione e divulgazione della conoscenza, ogni articolo pubblicato sul CorrieredelWeb.it, pur tutelato dal diritto d'autore, può essere ripubblicato citando la legittima fonte e questa testata secondo quanto previsto dalla licenza Creative Common.





Questa opera è pubblicata sotto una Licenza Creative Commons Creative Commons License






CorrieredelWeb.it è un'iniziativa di Andrea Pietrarota, Sociologo della Comunicazione, Public Reporter, e Giornalista Pubblicista




indirizzo skype: apietrarota



CONTATTI